PTOF

“Per affermare il ruolo centrale della scuola nella società della conoscenza e innalzare i livelli di istruzione e le competenze delle studentesse e degli studenti, rispettandone i tempi e gli stili di apprendimento, per contrastare le disuguaglianze socio-culturali e territoriali, per prevenire e recuperare l’abbandono e la dispersione scolastica, per realizzare una scuola aperta, quale laboratorio permanente di ricerca, sperimentazione ed innovazione didattica, di partecipazione e di educazione alla cittadinanza attiva, per garantire il diritto allo studio, le pari opportunità di successo formativo e di istruzione permanente dei cittadini, la presente legge dà piena attuazione all’autonomia delle istituzioni scolastiche..”  (dalla L. 107/2015 art. 1 c.1)

Dall’a.s. 2016-17  il Piano dell’offerta formativa diventa triennale (DPR 275/99 come modificato dall’art. 1, c.14 della L. 107/2015) ed è rivedibile annualmente.

“Il piano è il documento fondamentale costitutivo dell’identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell’ambito della loro autonomia.”

Il presente Piano triennale dell’Offerta Formativa è stato redatto anche al fine di dare piena attuazione a quanto previsto dal c. 7 dell’art. 1 della L. 107/2015, laddove si dice che le “istituzioni scolastiche (….) individuano il fabbisogno di posti dell’organico dell’autonomia, in relazione all’offerta formativa che intendono realizzare, nel rispetto del monte orario degli insegnamenti e tenuto conto della quota di autonomia dei curricoli e degli spazi di flessibilità, nonché in riferimento a iniziative di potenziamento dell’offerta formativa e delle attività progettuali per il raggiungimento degli obiettivi formativi individuati come prioritari” che sono stati indicati nel documento.

La normativa sull’autonomia dispone che  ogni scuola sia messa nella condizione di progettare e realizzare interventi educativi e formativi differenziati: il progressivo superamento dell’uso esclusivo dei programmi ha reso possibile il cambiamento e ha spostato l’attività degli insegnanti dalla pura e semplice trasmissione di nozioni e contenuti alla programmazione degli interventi e alla progettazione di percorsi. Il Piano dell’Offerta Formativa (P.O.F.) non deve elaborare, in questa prospettiva, nuovi programmi e nuovi contenuti, ma deve solo rappresentare il documento in cui è dichiarata esplicitamente l’intenzionalità educativa e formativa dell’istituto, per rispondere da un lato ai  bisogni di ogni alunno nella sua dimensione individuale, dall’altro per intercettare e fare propria la domanda formativa della società più ampia.

In tal modo il P.O.F. assume le caratteristiche di documento di identità della scuola, in quanto contiene tutto ciò che essa vuole realizzare, utilizzando l’insieme delle risorse umane, professionali, territoriali, tecnologiche ed economiche a disposizione e valorizzandole al massimo per creare rapporti interni costruttivi e capaci di interagire con la realtà esterna.

PCZeta - Sviluppo Web