Home

 

Con riferimento al problema della sicurezza negli edifici scolastici, si trasmettono le indicazioni inerenti l’utilizzo delle attrezzature in dotazione e le norme di comportamento.

Gli impianti, le prescritte certificazioni e la manutenzione ordinaria e straordinaria sono di competenza dell’Amministrazione Comunale: il personale in servizio nelle diverse scuole deve segnalare tempestivamente alla Dirigenza e/o ai Referenti Sicurezza di ciascun plesso e/o al Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza i problemi eventualmente riscontrati in strutture ed impianti seguendo le normali procedure di comunicazione. 

Solo in caso di pericolo evidente ed immediato a seguito di rotture, vandalismi, ecc., il personale in servizio è autorizzato a contattare direttamente i servizi di manutenzione. Relativamente alla sicurezza in generale (es. attenzione alla pericolosità di certi giochi, chiusure e sorveglianza delle porte di accesso, ecc.) si rimanda alla responsabilità effettiva degli adulti cui sono affidati i minori. In particolare non si lascino mai soli gruppi, classi e singoli alunni.

 Si sottolinea che la normativa attribuisce al dirigente scolastico l’obbligo della vigilanza e che, di conseguenza, LE NORME CONTENUTE NELLA PRESENTE NOTA E RELATIVE AI COMPOR-

TAMENTI DA TENERE NELLA GESTIONE DELL’ATTIVITÀ SCOLASTICA HANNO CARATTERE VINCOLANTE PER TUTTO IL PERSONALE.  

PREVENZIONE DEI DANNI DA ELETTRICITA’

I danni che possono essere originati da un uso scorretto dell’energia elettrica sono l’incendio e la folgorazione.

  • Non toccare mai con le mani bagnate gli apparecchi in tensione o le prese e le spine.
  • Non agire sull’impianto elettrico per eseguire riparazioni (es. sostituzione di lampadine) prima di aver tolto la tensione tramite l’interruttore generale.
  • Se possibile non usare mai riduttori che permettano il collegamento di spine grandi con prese piccole.
  • Possibilmente non usare multiple alla presa.
  • Le prese a più uscite parallele (ciabatte): non si devono usare più di tre uscite e, comunque, il carico totale non deve essere superiore a 1.500W.
  • Non inserire le prese a spina di tipo Schuko (rotondo) in prese di tipo piatto, in quanto il collegamento a terra sarebbe interrotto.
  • L’uso delle prolunghe deve essere considerato una soluzione temporanea: in ogni caso, le prolunghe devono essere dotate di marchio di un protocollo internazionale di sicurezza (IMQ – CE – TUV) e la spina a capo deve essere larga. La prolunga deve essere srotolata in tutta la sua lunghezza e bisogna prestare attenzione al suo percorso (lontano da fonti di calore e disposto in modo da non dare intralcio al passaggio). Controllare che la potenza impegnata dell’apparecchio non superi la portata della prolunga e/o dei riduttori.
  • Spegnere l’apparecchio prima di disinserire la spina.
  • Non estrarre mai la spina agendo sul filo.
  • Non agire mai sull’apparecchio (es. pulizia o riparazioni) se prima non è stata staccata la spina.
  • Controllare frequentemente lo stato di deterioramento delle prese, spine e cavi.
  • Utilizzare solamente gli apparecchi in dotazione alle scuole. L’utilizzo di altri apparecchi deve essere una soluzione straordinaria e deve comunque riferirsi esclusivamente ad articoli marchiati da riconosciuti protocolli internazionali di sicurezza e che si trovino in buone condizioni di manutenzione.
  • L’uso di attrezzature elettriche è riservato agli adulti; in caso di piccoli e/o sicuri strumenti (es.registratore, pc, tablet) l’adulto deve essere comunque presente e sorvegliante, in questi casi inoltre solo l’adulto deve occuparsi del collegamento e scollegamento all’impianto elettrico dell’edificio e dell’eventuale malfunzionamento degli apparecchi.
  • L’uso di apparecchiature private è a rischio dell’utilizzatore e con responsabilità del proprietario. Il Dirigente scolastico ordinerà di eliminare le attrezzature di dubbia sicurezza: a questo scopo il personale è tenuto a comunicarne la presenza ed acquisire l'autorizzazione. I ridetti apparecchi devono essere collocati e utilizzati in ambienti inaccessibili agli alunni.

 

PREVENZIONE DEI DANNI DA GAS E FUOCO

I danni possono essere ustioni, intossicazioni e incendi.

  • In tutti gli ambienti scolastici non devono essere presenti attrezzature con fiamma libera.
  • Alla zona cucina può accedere solo il personale addetto; tale zona, a causa degli impianti elettrici e di cottura o riscaldamento cibi, deve essere considerata ad alto rischio. In caso di emergenza il personale incaricato deve chiudere la valvola dell’alimentazione del gas.
  • Accendini, fiammiferi e petardi in possesso degli alunni devono essere ritirati senza indugio e conservati in luogo sicuro, a disposizione dei genitori appositamente convocati per il ritiro.

 

PREVENZIONE DEI DANNI COLLEGATI ALL’USO DELLA STRUTTURA E DEGLI ARREDI

I rischi sono quelli legati alle cadute e agli urti.

Generalità

  • Controllare che l’abbigliamento degli alunni non sia fonte di potenziale rischio (es. scarpe slacciate).
  • Controllare che il materiale scolastico sia trasportato in uno zaino di peso non eccessivo e che le mani siano libere, per proteggersi in caso di caduta.
  • Nei locali scolastici, ad eccezione della palestra, evitare il transito di corsa.
  • Non assegnare ai bambini incarichi pericolosi ( trasporto di bevande calde).
  • In cortile assicurare la massima sorveglianza, distribuendola in più zone.
  • In cortile o in spazi interni quali aule, corridoi e bagni non consentire giochi potenzialmente pericolosi.
  • Evitare che gli alunni utilizzino in modo improprio materiali quali ad esempio sassi, matite, forbici, righelli, squadre, lamette dei temperini, compassi, astucci, zaini ecc..
  • Controllare che i giocattoli utilizzati dagli alunni siano provvisti di marchio UE.
  • I banchi, la cattedra, gli armadi e comunque tutti gli elementi d’arredo presenti all’interno dell’aula debbono essere disposti in modo da non ostacolare l’esodo veloce dai locali. Nel caso in cui vengano adottati specifici setting d’aula (es. a isole) le vie di fuga devono comunque risultare sempre “libere” e percorribili.
  • Non devono essere presenti cumuli di materiali sopra agli scaffali o mobiletti delle aule o in altre zone ad altra frequentazione (atri, corridoi).

 

SCALE

  • Non scendere mai di corsa le scale e non percorrerle quando sono bagnate o sdrucciolevoli; in caso di lavaggio delle scale ne sia interdetto l'uso con evidente apposita segnaletica e con sorveglianza da parte del personale ausiliario.
  • I movimenti di gruppi o classi siano ordinati e sorvegliati.
  • Evitare di portare pacchi che impediscano la visuale dei gradini durante la salita o la discesa.
  • Mantenere le scale sempre sgombre.

 

PAVIMENTI

  • Mantenere il pavimento sempre sgombro da oggetti.
  • Non camminare sul pavimento bagnato; le zone temporaneamente bagnate devono essere interdette al passaggio con adeguata segnalazione e sorveglianza.

 

TERMOSIFONI

  • Evitare che si svolgano giochi di movimento in prossimità dei termosifoni non protetti da appositi copritermo.

 

PORTE E FINESTRE

  • Non permettere che si svolgano giochi di movimento in prossimità di parti a rischio (vetri, spigoli ecc.).
  • Nella predisposizione dell’ambiente calcolare bene i volumi occupati dalle finestre e dalle porte aperte, prevedendo comunque idonei spazi di transito.
  • Non eseguire lavori chinati sotto le finestre se queste prima non sono state chiuse oppure aperte completamente a 180°.
  • Non permettere ai bambini di sporgersi dalle finestre e tanto meno di sedersi sui davanzali.
  • Verificare che i vetri siano ben fissati ai telai, e le finestre ai cardini.
  • Non permettere giochi che implichino aperture o chiusure improvvise delle porte e delle finestre.

 

ARREDI

  • Tenere i cassetti chiusi per evitare spigoli sporgenti.
  • Non usare i cassetti aperti come base d'appoggio.
  • Non estrarre mai i cassetti fino in fondo perché se non dotati di fermo possono cadere.
  • I vasi di fiori e gli altri oggetti di grandi dimensioni e/o di materiale frangibile devono essere posti in zone di scarso o nullo transito e comunque dove non sia possibile urtarli; non devono essere posti sopra scaffalature, armadi o davanzali.
  • Carichi pesanti non vanno collocati nei piani alti degli armadi (o sopra gli stessi) e va comunque posta molta attenzione nel valutare la possibilità di cadute accidentali anche nei piani bassi.
  • Controllare frequentemente lo stato degli arredi per evitare che schegge, crepe o viti che sporgono possano costituire pericolo; controllare la tenuta dei piani di appoggio di armadi e scaffalature.
  • Assicurarsi che mobili, librerie, scaffalature di altezza elevata, in rapporto alle altezze medie degli alunni di ciascun grado siano fissati al muro. Controllare ed eventualmente richiedere che siano fissati a muro tutti gli arredi dotati di gambe, vale a dire non poggianti con un piano (il cedimento di una gamba farebbe ribaltare l’arredo). Non permettere “arrampicate”.
  • Eliminare gli arredi metallici con spigoli vivi (o attivare procedure per l’eliminazione); se possibile smussare gli spigoli in arredi di legno.
  • Non permettere che vengano appesi allo schienale delle sedie cartelle, zaini o altri materiali pesanti che possano sbilanciarle. Le cartelle, o altro non vanno comunque messe in posizioni tali da costituire intralcio per gli spostamenti o intralcio delle vie di fuga. In generale il pavimento deve essere libero, senza alcun intralcio nello spazio calpestabile.
  • Non utilizzare utensili vietati e, in generale, utensili appuntiti (punteruoli, forbici, coltelli, cutter, ecc.) L’uso di strumenti di tale tipo per particolari limitate attività di laboratorio è totalmente escluso nella scuola dell’infanzia; negli altri gradi deve avvenire sotto la stretta sorveglianza dei docenti, gli strumenti devono essere sicuri secondo le norme internazionali e non devono far parte del quotidiano corredo ma utilizzati solo al bisogno dovuto all’attività programmata.
  • Nella scuola dell'infanzia assicurarsi che le coperte dell'aula del riposo siano di materiale ignifugo.
  • I collegamenti internet siano effettuati dagli alunni solo in presenza di un adulto sorvegliante accanto alla postazione.

 

PREVENZIONE DEI DANNI DA SOSTANZE CHIMICHE

I danni si possono configurare come intossicazione o incendio.

 

DETERSIVI ED AFFINI

  • E’ necessario attenersi scrupolosamente alle istruzioni fornite dalla casa produttrice.
  • Il luogo di conservazione deve essere assolutamente fuori della portata dei bambini chiuso sotto chiave.
  • Ogni sostanza deve essere conservata nel suo contenitore originale; i contenitori devono essere separati per tipologie di prodotti;
  • Usare sempre i dispositivi di protezione individuale: guanti, mascherine; le calzature devono avere suola di gomma antiscivolo.
  • Non mescolare mai le sostanze nell’impiego.
  • I prodotti infiammabili non possono comunque superare il limite consentito.

 

FARMACI

Per la somministrazione di farmaci ci si attenga alle procedure e modalità definite dai protocolli A.S.L.  E’ vietato in ogni grado scolastico che alunni assumano farmaci di qualsiasi tipo senza che sia stata preventivamente attivata la procedura prevista.

 

VARIE

  • Non devono essere utilizzati prodotti contrassegnati sulla confezione da simboli di veleno, sostanza nociva, corrosiva o infiammabile (es. correttori, vernici, ...).
  • Per evitare intrusioni di estranei, le porte di accesso agli edifici scolastici devono essere chiuse durante tutto l’orario di servizio. Durante afflussi continui (ritiro alunni sc. materna, ricevimento genitori…) una unità di personale deve essere sempre presente all’entrata.
  • In caso di feste, compleanni, ecc., è vietato distribuire cibi provenienti dalla cucina di famiglia.
  • Si ricorda il divieto di fumare negli edifici scolastici e all’interno del perimetro delle pertinenze.
  • Si ottemperi con consapevole diligenza, prontezza e senso di collaborazione alle prescrizioni del piano d’emergenza e del piano di evacuazione.

 

 

Il Dirigente Scolastico
Dott.ssa Laura Domiano

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (disposizione_di_servizio_sicurezza_scuola.pdf)Disposizione di Servizio - Sicurezza a Scuola241 kB
PCZeta - Sviluppo Web